Arrone
Ago 04 2018

Arrone Pubblicato dauser


Avvicinandosi ad Arrone, la si riconosce per il suo castello e le sue mura fortificate, che svettano sul borgo sottostante. Siamo nella parte sud dell’Umbria, nella Valnerina, poco lontano scorre il fiume Nera.

Proprio al castello si deve il nome di Arrone. Nel X secolo infatti, il nobile romano Arrone passando per questi territori decise di costruire una fortificazione sulle pendici di un costone roccioso, consapevole che una tale posizione sarebbe stata comoda da difendere e ottima per controllare le valli circostanti. Dal primo castrum in legno se ne costruì uno in muratura, per poi erigere le mura (tuttora integre e caratteristiche di Arrone), le torri di avvistamento e dare quindi vita al borgo. Consigliamo di esplorare il paese passeggiando per le sue vie, strette e in salita, magari fermandosi a fotografare gli archi di pietra o i balconi ricchi di fiori che sporgono dalle case.

L’accesso principale al borgo di Arrone è dato dalla Porta San Giovanni, il protettore del paese. Proseguendo, non si può non notare il campanile civico, corredato da quattro campane e sei arcate, poi la Torre principale, di epoca longobarda. San Giovanni torna nella chiesetta a lui dedicata, in stile gotico. Si tratta di un gioiello sorprendete, decorato da affreschi rappresentati dei santi, voluti dagli Arrone come ringraziamento per delle grazie ricevute.

Poco lontano da Arrone è possibile vistare Ferentillo, in particolare le rocche di Precetto e Mattarella. Se si passa in zona, meritano una visite le splendide Cascate delle Marmore, dai salti d’acqua impressionanti, annoverate fra le più alte d’Europa.

avatar