Spoleto
Ott 26 2018

Spoleto Pubblicato da Redazione Best Of The Apps


La visita alla città di Spoleto è un must per tutti gli amanti del “cuore verde d’Italia”. È un luogo ricco di monumenti, percorsi naturalistici, nonché vera e propria culla di prodotti tipici dell’Umbria.

Come molti borghi e piccole città umbre, Spoleto è arroccata su un colle, Sant’Elia, adagiato sotto il Monteluco. L’origine del nome di Spoleto è connesso proprio alla conformazione di questi luoghi: Spao e Lithos, a indicare un grande masso staccato dal monte, chiamato poi Colle Sant’Elia, su cui è sorta la città.

Ai piedi di Spoleto si allarga un pianura alluvionale, la Valle Umbra, e poco lontano scorre placido il Clitunno, nella sua strada verso la Valnerina.

Spunta fra i tetti delle case il campanile del Duomo di Spoleto, dedicato a  Santa Maria Assunta, con la sua bella facciata in stile romanico del XII secolo, è il fulcro sacro dell’arcidiocesi di Spoleto e Norcia.

Sulla strada che ci porta al Duomo, merita una visita anche il Teatro Romano, riportato alla luce nella prima metà del ‘900.  La pianta semicircolare del teatro è il luogo perfetto per spettacoli e concerti, che spesso vengono organizzati in questa cornice così affascinante.

Uno degli edifici più imponenti della città è sicuramente La Rocca Albornoziana. Si tratta di una delle tante fortezze fatte costruire dal Cardinale Egidio Albornoz, carcere fino al 1982, sede del Museo Nazionale del Ducato di Spoleto dal 2007.

Partendo da qui, è possibile intraprendere il cosiddetto “Giro dei condotti”, un percorso che segue le tracce degli antichi acquedotti della città, passando per il massiccio Ponte delle Torri, di epoca romana. Inoltrandoci invece nella natura che circonda Spoleto, troviamo il percorso di Monteluco, con il suo bosco sacro. Questa passeggiata di 8 km permette di ammirare un convento fatto costruire da San Francesco nel 1218, immerso in una lecceta e circondato da un’atmosfera mistica quasi surreale.

Dopo una lunga passeggiata, è il momento di godersi una pausa culinaria a base di prodotti tipici dell’Umbria. Il tartufo nero non è solo il re del bosco, ma anche il re di Spoleto e della sua tradizione gastronomica. Poco lontano dalla città viene coltivato un altro prodotto tipico della regione Umbria: l’unico farro DOP al mondo nasce a Monteleone di Spoleto! Passando invece al dessert, i dolci tipici spoletini sono la crescionda – a base di amaretti e cioccolato – e il panpepato, ricco di frutta secca e spezie.

Il periodo migliore per visitare Spoleto è la fine di Giugno, in occasione del famoso Festival dei Due Mondi, che unisce le tradizioni locali a quelle della lontana America. Un’occasione da non perdere per scoprire la vera anima di questa città umbra, dei suoi prodotti tipici e delle sue altre meraviglie.

COMMENTI

avatar